Su Torino non c’è niente da ridire: è una città magnifica e singolarmente benefica, diceva Friedrich Nietzsche.

Città di arte, cultura e architettura, Torino con il suo paesaggio fatto di grattacieli e Alpi è una città che sicuramente lascia il segno, con un fascino unico dato dall’unione di antichi palazzi sabaudi e strutture liberty si respira un atmosfera elegante e raffinata. 

In questo articolo sono riassunte le 10 cose da non perdersi a Torino.

Visitare Torino

LEGGI: Come ottenere uno sconto per Booking.com

1. Parco del Valentino – Giardino Roccioso

Nato nel 1961 per L’esposizione Internazionale, il Giardino Roccioso situato nel Parco del Valentino vicino al Borgo Medioevale, è una piccola oasi di pace all’interno di una metropoli come Torino.

Con un percorso plurisensoriale, accessibile anche ai disabili, in questo angolo romantico e fiabesco è possibile ammirare bellissimi ruscelli, giochi d’acqua, roseti, aiuole e moltissime specie di piante e fiori esotici.

2. Il Bicerin

Il “bicchierino”, bicerin in Piemontese, è la tipica bevanda torinese, ma anche piemontese.

Fatta con ingredienti semplici, e facilmente intuibili anche se la ricetta originale è segreta, assaggiare la bevanda a base di caffè, cioccolato e crema di latte è obbligatorio, soprattutto per chi è più goloso.

Molti sono i bar che la vendono e producono la propria versione, ma la versione tradizione la si può trovare al Caffè al Bicerin. Aperto nel 1793 fa parte dei bar storici della città, si trova in Piazza della Consolata 5

3. Il Museo Egizio

Fondato nel 1824 e rinnovato da pochi anni, il Museo Egizio di Torino è il più antico museo del mondo dedicato al mondo dell’Antico Egitto e, probabilmente, secondo per importanza solo al museo del Cairo.

Tra mummie, papiri e piccoli oggetti il museo conta circa 30mila pezzi che riescono a coprire un arco di tempo molto ampio. Tra i reperti principali c’è sicuramente la tomba di Kha e Merit ed è assolutamente da visitare la magnifica Galleria dei Re.

4. Il Duomo

Tra le 10 cose da non perdersi a Torino non può mancare il Duomo.

In Piazza San Giovanni è situato il Duomo di Torino, intitolato allo stesso santo.

Costruito verso la fine del 1400 e voluto dalla famiglia Savoia è l’unico edifico in stile rinascimentale all’interno della città, con un’imponente facciata ricoperta da marmo bianco.

Chicca da sapere sul duomo di Torino è che, dopo un ampliamento avvenuto nel 1600, adesso è il luogo in cui viene conservata la Sacra Sindone

5. Villaggio Leumann

Il villaggio Leumann è un quartiere operaio che si trova poco fuori Torino, più precisamente a Collegno, e che dal centro città si raggiunge anche coi mezzi pubblici in circa 40 minuti.

Rispetto alla classica zona industriale grigia e fredda il Villaggio Leumann è una rara eccezione. Questo piccolo quartiere è nato a fine ‘800 ed un perfetto incontro tra architettura industriale e stile Liberty, il tutto costruito attorno all’edificio più importante ovvero il Cotonificio.

É possibile prenotare delle visite guidate gratuite all’interno del quartiere. 

6. Basilica di Superga

Situata a circa 10 km da Torino e situata sul colle omonimo, si trova la maestosa Basilica di Superga, costruita all’inizio del 1700 da Filippo Juvarra.

Visibile da tutta Torino è facilmente raggiungibile dalla base della collina con la storica tranvia. Punto focale è sicuramente la mastodontica cupola di stile barocco.

Per quanto la vista sia già bellissima dal piazzale sottostante la basilica è solo dalla cima della cupola che si può ammirare Torino in tutta la sua bellezza. 

7. Mercato delle Pulci – Balon

Il Mercato delle pulci di Porta Palazzo, conosciuto dai torinesi come Balon, è uno dei mercati storici più importanti della città.

Ogni seconda domenica del mese invece ha luogo il Gran Balon, aperto dalle 7 alle 19. Situato tra le vie del Borgo Dora è sicuramente il regno dei vintage e dell’antiquariato. Tra le bancarelle si può trovare veramente di tutto: vesti, gioielli, mobili antichi, vecchi giocattoli, cd, vinili, prodotto di artigianato, libri usati e moltissimi altri oggetti. Il tutto ovviamente a prezzi del tutto convenienti.

8. Mole Antonelliana – Museo del Cinema

Tra le 10 cose da non perdersi a Torino, sicuramente non può mancare lei, il simbolo per eccellenza di Torino: la Mole Antonelliana.

Costruita nel 1863 da Alessandro Antonelli, l’architetto da cui prende anche il nome, svetta su tutta Torino con i suoi 167,5 metri di altezza ed è la costruzione più alta d’Italia.

Grazie all’ascensore panoramico costruito nel 1961 si può ammirare Torino dall’alto. Dal 1966 è anche sede del bellissimo museo nazionale del cinema. Il pezzo forte è sicuramente la statua del dio Moloch usata nel 1914 per il film Cabiria di Pastrone.

Nella collezione sono presenti anche film, video, foto, locandine, scenografie, attrezzature, macchine cinematografiche e scatole ottiche.

9. Reggia di Venaria

Residenza di caccia sabauda, costruita tra il 1658 e il 1679, la Reggia di Venaria è uno dei complessi architettonici più belli di Torino oltre che patrimonio dell’Unesco.

È facilmente raggiungibile dalla stazione di Porta Susa col sadem. Il complesso di 80mila mq tra gallerie, scuderie, borgo antico e i meravigliosi giardini.

I punti di maggior interesse sono sicuramente la Galleria Grande e la chiesa di Sant’Unberto

Reggia di Venaria, Torino

10. Musei Reali

Situati nel cuore della città, i Musei Reali di Torino sono un complesso di edifici cuore della storia di Torino, ma anche dell’Italia, con testimonianze che vanno dall’antichità fino all’età moderna.

Il progetto museale unisce il palazzo reale, vicino a piazza castello, l’Armeria Reale, la Galleria Sabauda, il Museo di antichità, i Giardini Reali, la Biblioteca Reale, le Sale Chiablese e la Cappella della Sacra Sindone.