Quando si parla di un viaggio non si può non parlare ci cibo. E quando si parla del Perù non si può non chiedersi “Cosa mangiare in Perù”? La cucina di questo Paese è composta da tradizioni ancestrali e abbinamenti fusion, che per me è stata una fantastica scoperta.

Con più di 3000 tipologie di patate (no, non scherzo!) e altrettante di mais la cucina peruviana è veramente ricchissima, perciò quello che vi propongo è una guidagenuina, dei piatti che più hanno caratterizzato il mio viaggio.

LEGGI ANCHE: Cosa vedere in Perù in 15 giorni

Alla scoperta del Perù e della sua cucina
Alla scoperta del Perù e della sua cucina

La Cucina Peruviana: Sulla Costa

La zona di Lima e tutta la costa desertica è ovviamente caratterizzata da una cucina a base di pesce.

Qua non si può non parlare del re del Perù: il ceviche.
Dichiarato patrimonio culturale nazionale questo piatto è largamente diffuso in tutto il paese, anche se io vi consiglio di assaggiarlo in questa zona, consiste in un mix di pesce freddo cotto nel succo di lime e servito con cipolle, cilantro, peperoncino, mais bollito, patate e alle volte varie salse.

Ceviche con cipolle, patata dolce e due tipologie di mais

Un altro piatto a base di pesce è il tiradito, una versione più orientale del ceviche. Altri piatti da provare assolutamente sono il pulpo al olivo, le chupe di pesce e i choros a la chalca, ovvero cozze in salsa di mais.

La Cucina Peruviana: Ad Arequipa

Se decidete di fermarvi ad Arequipa non potete non mangiare da Chicha por Gaston Acurio, uno degli chef più famosi dell’America Latina. Vi consiglio assolutamente i suoi piatti a base di gamberi, infatti una prelibatezza tipica di Arequipa è la chupe de camarones. Attenzione però a cosa ordinate perché le porzioni sono veramente molto abbondanti.

Antipasto a base di gamberi da Chica por Gaston Acurio

Altri piatti che potrete trovare sono il rocoto relleno, un peperone rosso ripieno di carne piccante, e pollo arrosto ottimo per pranzi veloci o da portar via. Sempre per un pranzo vi consiglio di cercare le empanada, veramente deliziose.

Come vi ho anticipato prima in Perù si possono trovare moltissime varietà di patate e potete assaggiarle in tutti i modi!

Piatti a base di patate da mangiare in Perù:

  • la papa rellena è una crocchetta di patata ripiena di carne;
  • la causa rellena è uno degli antipasti più consumati e consiste in un tortino di patate ripieno di frutti di mare, verdure o pollo e condita con del lime;
  • la papa a la huacachina ovvero patate ricoperte di una salsa al formaggio, non proprio dietetiche ma molto buone.

E ce ne sono moltissimi altri tipi! Insieme al mais, fidatevi che questo tubero non mancherà mai.

La Cucina Peruviana: Lago Titikaka

In questa magnifica regione non potete assolutamente non assaggiare la chupe de quinoa, uno dei cereali più usati all’interno del paese e che forse troverete anche a colazione presentato come quinoa pop, da provare!

Il lago Titikaka inoltre è un lago molto pescoso, perciò è da provare provare la trota servita con patate e verdure.

Una deliziosa zuppa di quinoa assaggiata sull’isola Taquile

Qua io ho assaggiato per la prima volta il cuy: il porcellino d’india!
Spesso lo propongono intero e sinceramente non è una bellissima visione, ma alcuni posti offrono solo alcune parti del piccolo animale. La carne è poco grassa ma molto saporita, con un gusto molto intenso, perciò potrebbe non essere per tutti. A me personalmente è piaciuto molto e lo consiglio vivamente.

La Cucina Peruviana: Cuzco e la Valle Sacra

Attorno alla città Inca è la carne quella che fa padrona.

I più coraggiosi possono provare ad assaggiare gli anticuchos, ovvero spiedini di cuore di manzo alla griglia. Per chi come me preferisce non mangiare le interiora vi consiglio assolutamente la carne di alpaca, generalmente servito con patate e salse tradizionali.

Altri due piatti deliziosi sono il lomo saltado, strisce di manzo cucinate con peperoni e cipolla e servite con patate e riso, e il chicharron, carne di maiale fritta che forse è un po’ pesante ma veramente buona.
E come si riconoscono le chicharronerie? Beh semplice, fuori è esposta la cotenna del maiale!

Buonissimo filetto di alpaca servito con insalata di avocado, patate andine e 4 salse

Se vi fermate a Cuzco dovete assolutamente visitare il Mercado de San Pedro! Oltre a comprare moltissimi souvenir potrete anche assaggiare delle vere e proprie delizie peruviane. Noi ci abbiamo passato quasi un intera mattina dove abbiamo provato veramente di tutto! Dal pane prodotto a Puno a frutti esotici come il pitahaya e la cirimoia. Buonissimi sono infatti i frullati e gli estratti di frutta fresca. Inoltre sempre in questo enorme mercato potrete provare un altro piatto tipico: il caldo di galina, ovvero una minestra di brodo di gallina con patate ed erbe aromatiche. Vedrete gente che lo mangerà già alle 9 del mattino!

Un altro piatto amato dai peruviani, che a me personalmente non è piaciuto ma che consiglio di provare, è il tamales. Sono degli involtini di mais cotti a vapore con vari ripieni: dalla carne alle verdure alla frutta.

La Cucina Peruviana: I dolci

Vi avverto subito! I dolci peruviani sono estremamente dolci. L’ingrediente più famoso e anche il più usato è il dulce de leche, una densa crema al latte molto zuccherata che sembra caramello. Questa crema è la base per il dolce più famoso: il suspirio limeño, incredibilmente dolce ma da provare! Sempre fatti con il dulce de leche sono i alfajor, biscotti di origine coloniale che sono entrati subito nella tradizione peruviana.

Tipico di Arequipa e che troverete veramente ovunque nella città è il queso helado! Non fatevi ingannare dal nome perché di formaggio non ha proprio niente. Infatti è composto da latte, cannella e cocco, una vera delizia! Sempre per restare sul gelato vi consiglio di provare il gelato alla lucuma. Frutto molto farinoso viene usato solo per farci il gelato, amatissimo da tutti i peruviani. Noi l’abbiamo provato in una gelateria molto particolare di Cuzco: da Qucharitas (Calle Procuradores 372) in una location bizzarra potrete provare il gelato al forno, oltre a moltissimi altri dolci.

Sempre a Cuzco abbiamo provato i picarones. Dolce a forma di ciambella fatto di farina di grano, con zucca e patate dolci, fritto e servito caldo insieme a una salsa simile al miele si è dimostrato il mio dolce preferito. 

La lista potrebbe andare avanti ancora per un bel po’ e a coloro che sono amanti dei dolci posso solo dire che non resteranno per niente delusi.

La Cucina Peruviana: Le bevande

Ovviamente insieme ad un buon pasto non si possono non assaporare le bevande tipiche di questo Paese.

Tutti i peruviani vi diranno di provare assolutamente l’inka cola e chi siamo noi per non assaggiarla? A base di manzanilla, ovvero camomilla, e con colore giallo fluorescente il sapore è simile al chewing gum, per i miei gusti troppo dolce al limite del nauseante.

Un’altra bevanda che invece ho apprezzato tantissimo è stata la chica. Ne esistono di due tipi: una alcolica che è la chica classica fatta col mais “jora” e assomiglia ad una birra, e poi una non alcolica che è la chica morada preparata col mais morado, un mais tipico peruviano di colore viola. Oltre al mais si usano varie erbe e spezie e di entrambe ne esistono varie versioni.
Sempre per gli amanti della birra sappiate che la classica bionda non mancherà. Le più quotate sono la Cusqueña e l’Arequipeña, entrambe molto buone.

In tutto il Paese troverete moltissimi infusi: manzanilla, mate di coca, muna, tilo e chi più ne ha più ne metta!

Ma se si parla di bevande non si può non nominare lui, il re del Perù e liquore nazionale: il Pisco. Prodotto nella zona di Ica e di Pisco, è un distillato di mosto di vino che raggiunge i 40 gradi circa. Si può bere liscio, come se fosse una grappa, oppure si possono preparare dei cocktail deliziosi. Il più famoso è il Pisco Sour prodotto con pisco, lime o succo di limone, zucchero, bianco d’uovo e ghiaccio. Una delle distillerie più famose è La Caravedo, dove si produce una delle eccellenze che è il Pisco Porton. Oltre che per i suoi buonissimi distillati questa Hacienda è famosa perché certificata come la più antica dell’America, risale infatti al 1684, oltre che la più moderna dell’America Latina.

Hacienda La Caravedo