Parigi è in assoluto la città degli innamorati, nonchè della maestosità e della grandezza. Se avete a disposizione un solo weekend, sarà difficile ma non impossibile visitare questa stupenda città: Parigi.

Partiamo dal fatto che ho insistito molto io ad andarci, ma fortunatamente sono stata accontentata. Se si è innamorati come non si fa a voler visitare Parigi, la città degli innamorati per eccellenza?

Abbiamo optato per il weekend di Pasqua (da sabato 20 aprile 2019), siamo partiti il sabato mattina con l’aereo alle 8.45, quindi ci siamo dovuti svegliare alle 3 per andare a Milano Malpensa. Il volo è durato un ora e 10 minuti e abbiamo viaggiato con la compagnia Vueling pagando il volo 195€ a testa.

LEGGI ANCHE: Weekend super-lowcost a Varsavia

Visitare Parigi: primo giorno

Alle 12 siamo arrivati in centro e la nostra visita a Parigi è iniziata proprio dal suo simbolo: la Tour Eiffel.
La Torre Eiffel è qualcosa di inimmaginabile, le foto non rendono assolutamente! Va vista!
Appena arrivata davanti a quella struttura avevo le lacrime agli occhi dall’emozione.

Tour Eiffel, Parigi

Tour Eiffel, Parigi

Alle 15.30 abbiamo iniziato la visita alla Tour Eiffel e consiglio vivamente di acquistare prendere i biglietti online sul sito ufficiale proprio come abbiamo fatto noi. Questo vi eviterà di fare oltre 4 ore di coda per comprare i biglietti. Noi li abbiamo comprati online e appena arrivati alla Tour Eiffel siamo saliti subito!

La Tour Eiffel ha diversi piani ed è possibile salire anche a piedi, ma lo sconsiglio se andate in giornate calde perché è tutta al sole.Per salire sulla Torre abbiamo usato i diversi ascensori e siamo arrivati fino al punto più alto, gli ascensori sono a vista per chi soffre di vertigini non è il massimo. Io sono una di quelle però mi sono sentita molto al sicuro e anche là in alto. Ovviamente non c’è da dire che la vista è qualcosa di SENSAZIONALE, vale assolutamente la pena andarci!

Vista dalla Torre Eiffel
Vista dalla Torre Eiffel

Abbiamo finito la visita della Torre alle 17.30 (2 ore circa di visita). Eravamo stremati dal viaggio e abbiamo deciso di andare nel parco di fronte alla Tour Eiffel, cioè il Campo di Marte (Champ de Mars) e aspettare il buio della sera per assaporarsi la magia della Torre Eiffel illuminata.


Torre Eiffel illuminata
Torre Eiffel illuminata

Siamo arrivati in hotel a mezzanotte, e siamo crollati dopo poco. Il nostro Hotel si chiamava Hotel F1 Porte de Châtillon, distava dal centro 40 minuti in metro e la fermata era a 10 minuti a piedi. Per due notti abbiamo pagato 110€ in due. Ci siamo trovati bene e lo consiglio!
Vi informo però che gli asciugamani avevano un aggiunta di 3€ a testa e la colazione era con supplemento.

Visitare Parigi: secondo giorno

Il mattino dopo ci siamo svegliati alle 8.30 e siamo andati a gustarci una colazione buonissima in un bar vicino all’albergo. Il nome del bar è Cafè du Theatre. Abbiamo preso due cappuccini (erano enormi) e 3 brioches spendendo 13€.

Colazione al Cafè du Theatre
Colazione al Cafè du Theatre

Dopo la nostra bella colazione ci siamo diretti verso la Basilica del Sacro Cuore, distava 1 ora in metro e il biglietto per ogni corsa veniva 1,90€.

Mi sarebbe molto piaciuto entrare ma purtroppo non avevamo tempo. Infatti, dopo questa breve tappa ci siamo diretti verso il Moulin Rouge, anch’esso visto solo da fuori.

Successivamente andando verso il Louvre siamo andati dal famoso muro dei Ti amo(oppure Le mur des Je T’Aime).

Infine, siamo arrivati al museo di Louvre, abbiamo fatto tutto a piedi, dalla Basilica fino a qui.
L’imperdibile, maestoso, grandioso, magico museo di Louvre è il più grande museo al mondo – vero tempio dell’arte, forte della sua Piramide che spicca nella Cour Napoléon, custodisce numerosi tesori provenienti dal mondo intero.

Non siamo andati a visitarlo perché ci sarebbe voluto minimo una giornata, ma sono entrata solo per andare in bagno infatti credo che molti di voi non sanno delle entrate secondarie vicino all’arco di Trionfo per saltare la fila chilometrica.

Successivamente ci siamo diretti verso i Jardin du Luxembourg, anche qua ci siamo arrivati a piedi.

Infine, ci siamo diretti verso l’Arc du Triomphe, esso distava un’ora dai giardini quindi abbiamo deciso di noleggiare il monopattino elettrico che sono disponibili su i marciapiedi scaricando l’applicazione Lime e scannerizzando il codice QR, il costo del noleggio è di un 1€ e 0,15 al minuto. Siamo arrivati all’Arco in 20 minuti, oltre a essere molto divertente abbiamo più che dimezzato il tempo.

Noi non abbiamo pagato il biglietto per salire sull’Arc Du Triomphe essendo cittadini europei con meno di 25 anni. Per salire ci sono 300 scalini a chiocciola arrivati in cima abbiamo aspettato il tramonto e l’accensione della Tour Eiffel. È stato qualcosa di indescrivibile…

Arco di Trionfo al tramonto
Arco di Trionfo al tramonto
Arco di Trionfo al tramonto
Arco di Trionfo al tramonto

Siamo scesi alle 22.30 e purtroppo finendo di visitare sempre tutto tardissimo non siamo riusciti ad andare a mangiare in qualche ristorantino tipico, ma sicuramente la prossima volta avremo più tempo e ci dedicheremo anche a questo, quindi per il momento non riesco a consigliarvi nessun posto dove poter cenare. Ma durante il giorno vi consiglio assolutamente di andare a fare qualche picnic in uno dei tantissimi parchi.

Per arrivare in Hotel abbiamo preso la metro e siamo andati a letto verso le 24.30 ci siamo svegliati alle 3.00 perché alle 3.15 avevamo la navetta che ci portava in aereoporto. Questa navetta è stata super utile visto che la prima corsa con la metro è alle ore 5.00. Ho prenotato il servizio di transfer su Expedia e ve lo consiglio assolutamente, tra l’altro abbiamo speso 36€ in due.

Arrivati in aereoporto che distava circa 15 minuti abbiamo atteso l’apertura del Gate e abbiamo avuto il volo alle 6.30.

Siamo arrivati a Milano Malpensa alle 8.00 e abbiamo atteso la navetta che ci avrebbe portato nel parcheggio dove avevamo messo la macchina. Anche questo servizio ve lo consiglio assolutamente!
Il sito si chiama Parkos, abbiamo speso 25€ per il parcheggio coperto e per la navetta che ci ha portato e ci è venuta a prendere in aereoporto!

Detto questo, siamo riusciti a visitare Parigi quasi tutta a parte la Reggia di Versailles in soli due giorni. Siamo arrivati a casa stanchissimi ma felici, come ho già detto ci ritorneremo sicuramente.

Questa è una città MAGICA, e ne vale davvero la pena vederla almeno una volta nella vita, se ci state poco come ho fatto io vi consiglio di fare questo itinerario che vi ho spiegato così riuscite a vedere le cose principali.

Vi avviso… se andate a vedere per la prima volta Parigi sicuramente mentre siete là prenoterete già il secondo viaggio perché di questa città ci si innamora appena si scende dall’aereo.