Firenze la città dell’arte, la culla del Rinascimento, questo il primo pensiero quando pensiamo a questa città. Ma Firenze è anche uno dei luoghi più romantici al mondo. Ci sono tanti angoli, vicoli, giardini da scoprire, tuttavia vi voglio accompagnare lungo uno dei miei itinerari preferiti.

Una romantica passeggiata a Firenze

Per prima cosa dirigetevi verso il fiume Arno, da qui abbandonate tutti i pensieri e godetevi questa passeggiata sui Lungarni.

I Lungarni fiorentini vennero realizzati tra il Settecento e l’Ottocento a discapito di alcune opere storiche come le Pescherie che furono demolite. Adesso, come allora, sono considerati la passeggiata ideale per ammirare gli edifici storici della città, magari fermandosi a uno dei tanti caffè o giardini che vi si affacciano.

Uno dei più famosi è Lungarno Vespucci che, se percorso in uscita dal centro, porta fino al Parco delle Cascine.

Vista sul Ponte Vecchio a Firenze

S

LEGGI ANCHE: 10 cose da mangiare a Firenze

Ma noi proseguiamo la nostra passeggiata nel centro storico di Firenze.

Da Lungarno Vespucci possiamo attraversare Ponte alla Carraia o Ponte Santa Trinita, da qui vi potete perdere nelle vie Oltrarno tra i quartieri di Santo Spirito e San Frediano i più storici e i più caratteristici della città. Oppure fermatevi alla Gelateria “La Carraia” e godetevi un buon gelato ammirando Ponte Vecchio di fronte a voi.

Ponte Vecchio a Firenze
Ponte Vecchio, Firenze

LEGGI ANCHE: Cose romantiche da fare a Firenze

Ponte Vecchio, per gli innamorati in gita a Firenze, è l’emblema del romanticismo, chissà se è più per il panorama che vi si gode o per le gioiellerie che si incontrano.

Vi possiamo arrivare o da Lungarno degli Acciaiuoli, alla sinistra del ponte, oppure da Borgo San Jacopo, sul lato destro. Se scegliete di passare da Borgo San Jacopo c’è una piccola terrazza, di fronte l’entrata dell’ Hotel Lungarno, dove sembra quasi di sfiorare Ponte Vecchio.
Il posto giusto per immortalare il momento in una foto ricordo con il vostro innamorato.

Oltrepassiamo Ponte Vecchio e proseguiamo in direzione di Piazzale Michelangelo. Mentre saliamo ci possiamo concedere una sosta al Giardino delle Rose.

Solo da pochi anni si può godere della bellezza del Giardino delle Rose tutti i giorni dell’anno, tranne Natale e Capodanno, prima di allora apriva al pubblico solo per pochi giorni in primavera.
Questo giardino fu realizzato dallo stesso architetto del piazzale, Giuseppe Poggi, nel 1865 in previsione dello spostamento della capitale da Torino a Firenze. Dal 1998 il Giardino ospita anche un piccolo angolo in stile giapponese dell’architetto giapponese Yasuo Kitayama, una vera e propria oasi donata dalla città gemellata Kyōto e dal tempio Zen Kodai-Ji.

Il giardino copre circa un ettaro di terreno e si sviluppa su terrazzamenti da cui si ha una vista splendida su Firenze; la primavera è il periodo migliore per godersi una giornata di  sole inebriati dal profumo e dal colore delle 400 varietà di rose in fiore. Potrebbe essere un poco affollato e non molto intimo, infatti molti studenti si ritrovano qui nel weekend per un pic-nic e per studiare assieme.

Giardino degli Iris, Firenze
Giardino delle Rose

Se capitate a fine aprile inizio maggio, vi consiglio, inoltre, di visitare anche il Giardino degli Iris poco distante da qui basta attraversare Piazzale Michelangelo. Nato nel 1954 per ospitare il Concorso Internazionale annuale per le migliori varietà di Iris ibride al mondo, nel breve periodo di fioritura è un tripudio di colori del simbolo della città di Firenze.

Siamo giunti a Piazzale Michelangelo. Qui l’ora più suggestiva è quella del calare del sole, il tramonto diventa indimenticabile. Quindi sedetevi sulla scalinata, rilassatevi e godetevi la vista completa sulla città, Ponte Vecchio, Palazzo Vecchio, il Cupolone del Brunelleschi e il Duomo spiccano circondati dai tetti rossi, e se il tempo è bello lo sguardo si perde all’orizzonte tra le colline fiorentine.

Durante la bella stagione potrete essere fortunati e avere un sottofondo musicale, infatti è luogo preferito da artisti di strada che con la loro chitarra intrattengono i turisti in cambio di qualche moneta.

Qui non aggiungo altro, il posto e il momento parlano da soli.

Piazzale Michelangelo, Firenze
Tramonto da Piazzale Michelangelo

Infine concedetevi un aperitivo su una delle terrazze panoramiche della città. Negli ultimi anni sta crescendo sempre più questa nuova tendenza che ha portato ad aprire nuovi roof bar, terrazze panoramiche, piscine con vista.

Vi consiglio Empireo American Bar & Pool, pioniere degli aperitivi a bordo vasca sulla terrazza del Plaza Hotel Lucchesi. Avrete una vista a 360° su Firenze, da un lato l’Arno, Piazzale Michelangelo, Torre San Niccolò dall’altro gli edifici storici più conosciuti. In estate ha un ricco programma di eventi tra cui serate con musica dal vivo.

Empireo American Bar, Firenze
Aperitivo all’Empireo American Bar

Spero vi siate goduti questa passeggiata, magari con una dolce dichiarazione d’amore!