La Sicilia, la più grande isola italiana, è in assoluto una delle perle del sud Italia, tutta da scoprire, conoscere e vivere. Una meta ideale per una vacanza in estate quanto nelle altre stagioni, ognuna in grado di offrire spettacoli naturali e artistici unici nel suo genere.

Non potevo che parlare della mia amata Sicilia, premetto che io non sono siciliana sono 100% salsese, per chi non lo sapesse si trova nella provincia di Parma in Emilia Romagna.

La Sicilia è il posto dove sono andata più spesso in questi anni per le mie vacanze estive. La prima volta ci andai nel 2011 e da quell’anno ad oggi ho saltato solo 2 anni quindi ho tanto di cui parlare; dove soggiornare, quali paesi visitare, quali sono le spiagge da non perdere e cosa mangiare.

LEGGI ANCHE: Due giorni a Parigi: consigli per visitare la città degli innamorati in un weekend

Vacanza in Sicilia: dove soggiornare

Il primo quisito che ci si pone è icuramente dove dormire? Bene, per i primi anni ho soggiornato in un appartamento a Santa Ninfa, un paesino sul cucuzzolo della montagna in provincia di Trapani, mentre l’ultimo anno ho soggiornato sempre in questo paese ma in un B&B, Il Ficodindia.

Questo posto è un incanto molto tranquillo ma allo stesso tempo a poca distanza dalla “vita”. Il B&B era davvero molto bello, la colazione era abbondante e le camere stupende inoltre il rapporto qualità prezzo era ottimo, per farvi capire ho soggiornato 5 notti e ho pagato 225€ in due a ferragosto. 

B&B Il Ficodindia Santa Ninfa

Vacanza in Sicilia: quali paesi visitare

La Sicilia è tutt’altro che un’isola piccola, per cui altro importante quesito riguarda quali paesi visitare durante la propria vacanza, ecco i miei suggerimenti (tenendo Santa Ninfa come base del viaggio).

Vicino a Santa Ninfa ci sono tanti paesini carini da andare a vedere soprattutto alla sera. Triscina è uno dei miei preferiti e dista circa 30 minuti di macchina da Santa Ninfa. Per chi come me ama i mercatini, tengono qui un mercato estivo davvero grandissimo con merce di qualsiasi tipo, soprattutto vestiti.

Selinunte dista 28 min di macchina oltre ad avere una camminata bellissima sul mare fanno dei fuochi d’artificio fantastici. Si tratta del Festival delle Arti Piriche, che si tiene solitamente verso la fine di agosto a Marinella di Selinunte. Il Festival vede gareggiare tra di loro le più rinomate ditte di Fuochi d’Artificio d’Italia, e così per tre sere consecutive il mare sereno ed il cielo stellato di Selinunte si accendono dei colori più vivaci e dei botti più incredibili.

Partanna è un altro comune molto interesssante, a 10 minuti da Santa Ninfa, con un centro storico interamente Medioevale, ricco di resti di insediamenti preistorici o di età protostorica. Anche in questo paese fanno i fuochi d’artificio a fine agoto.

Castelvetrano, nota anche come la Città degli Ulivi e dei Templi per l’importante coltivazione di ulivo e la presenza dei templi di Selinunte. dove potete trovare una discoteca di nome Area 14 e dista 20min di macchina. Nella città di Castelvetrano è anche possibile ammirare musei e chiese che raccolgono opere di inestimabile valore, tra cui: ilMuseo Civico Selinuntino di Castelvetrano, il Parco Archeologico di Selinunte e ilCastello di Bellumvidere.

Ovviamente non può mancare il paesino di Santa Ninfa che si anima specialmente in occasione di feste tradizionali per esempio: la sagra della salsiccia (Tra il 1 e il 10 di agosto in base alle domeniche) e la sagra della pecora (novembre).

Durante il giorno vi consiglio di andare a visitare Erice e dista 1 ora e 10 minuti di macchina. Qua troverete un paesino arroccato su una montagna, perfettamente conservato con lo stile del posto, uno stile caratterizzato da sassi e viuzze piccole e strette. Quando arrivate in cima troverete un castello stupendo, il Castello di Venere e insieme a questo castello una vista mozzafiato e il tipico carro siciliano trainato dagli asini.

Vista dal Castello di Venere, Erice

Vacanza in Sicilia: in quali spiaggie andare

Un’altra domanda a cui rispondere riguarda le spiaggie in cui andare in Sicilia.

La Sicilia è un terreno incolto pieno di meraviglie dietro ad ogni angolo. Lo Zingaro è una riserva naturale incontaminata e piena di coste stupende, dista 1 ora e 30min e comprende una camminata di 7km per tutta la costa ma già nella prima insenatura avrete un paesaggio unico e un mare cristallino.

Purtroppo però la spiaggia è un po’ piccola e con dei sassi abbastanza grossi quindi è meglio arrivarci presto. 

San Vito Lo Capo, in questa spiaggia ci si può arrivare anche percorrendo il sentiero dello Zingaro ma dal paesino dista 1 ora e 15min.

Tutti amano questa spiaggia ma a me non dice molto, è sempre affollata e per colpa di tutte queste persone il mare non è limpido per via della sabbia mossa, ( purtroppo di foto da pubblicare non ne ho, perché appunto era sempre molto affollata ).

Cala Rossa, non tutti la conoscono forse perché arrivarci è un po’ pericoloso, bisogna camminare su delle rocce in discesa (e salita) per circa 30min ma poi lo spettacolo è unico, troverete anche una grotta ma la spiaggia è molto piccola. Dal paesino dista 1 ora e 20min.

Favignana è l’isola per eccellenza della Sicilia.

Bisogna arrivare al porto di Trapani dista 55 min e prendere l’aliscafo, vi consiglio di prenotarlo prima on line. Appena si arriva troverete un paesino pieno di profumi e di gente in bici. Qua troverete 10 spiagge e tutte da vedere ma io ve ne elencherò solo alcune.

Cala Rossa (non fatevi ingannare dal nome, ma esistono due cala rossa) l’arrivo a questa spiaggia è piuttosto arduo ma ne vale la pena, è stupenda. Per raggiungerla dovete fare una camminata in discesa (e salita), questa spiaggia è considerata la più bella di Favignana per il suo mare blu e il suo litorale sabbioso caratterizzato da uno scenario roccioso.

Cala Azzurra ha un mare sempre calmo e di facile raggiungimento a tutti. Cala Bue Marino, qua è necessario tuffarsi dalla scogliera (non alta) e il mare è subito profondo quindi è ideale per chi fa snorkeling. 

Scala Dei Turchi, dista 1 ora e 20min, per raggiungerla bisogna fare una discesa cementata quindi è di possibile accesso a tutti.

Per arrivare alla famosa scala bisogna camminare una decina di minuti sulla spiaggia. Arrivati potrete salire, ma attenzione è scivoloso, in alto avrete un paesaggio unico e vi potrete abbronzare molto bene perché la pavimentazione è bianca ed è molto ventilato. Il mare è super cristallino.

Scala dei Turchi

Tre Fontane, dista 30 min anch’essa non è una spiaggia molto conosciuta ma a me piace molto e sapete perché? Perché è una di quelle spiagge tranquille della gente del posto con un mare limpidissimo.

Porto Palo, questa è una meta per chi vuole vuole fare “baldoria” nella notte di ferragosto, perché? Perché qua si ha la tradizione di festeggiare la notte del 15 agosto in spiaggia…facendo falò, grigliate e dormendo in tenda, ci sono anche numerose discotecarie sulla spiaggia dove passare la nottata. Allo scattare della mezzanotte si fa il bagno in mare ma io ad essere sincera non L’ho mai fatto perché l’acqua è davvero troppo fredda.

Vacanza in Sicilia: cosa mangiare

Altro quesito importante: cosa mangiare in Sicilia?

La Sicilia è una terra che amo anche per questo aspetto, io sono di bocca buona e qua si mangia tanto e cose buonissime.

Partiamo con i cannoli, io vi consiglio di andare a provare quelli di Nino Genco, sempre da lui potete trovare delle torte buonissime.

Per quanto riguarda i formaggi primo sale vi consiglio di andare al caseificio Trinacria di Giambalvo Giuseppe, qua avrete l’imbarazzo della scelta; formaggio con pepe, pistacchi, peperoncino,normale e tanti altri.

Per le arancine vi consiglio di andare nella gastronomia Da Patti, sono buonissimi anche i biscotti di marzapane e quelli alle mandorle, oppure se volete spostarvi un po’ potete andare alla pasticceria Buscaino a Castelvetrano qua tutto eccelle.

Poi ovviamente non può mancare un’ottima cena a base di pesce, vi consiglio di andare al ristorante Donna Franca a Mazara del Vallo e dista 30 min. Inoltre non potete non assaggiare la pasta al forno, la pignolata e i panini con le panelle del paninaro: “Street Food”.

Vorrei soffermarmi un attimo sulla gente del posto. Sicuramente molti di voi saranno scettici, dicendo che essendo del Sud D’Italia non ci si può fidare ma vi sbagliate! La cordialità, l’amicizia e la disponibilità che c’è qua è inimmaginabile, io amo tutto di questa terra, la gente in primis, ci tornerei ogni momento che mi è possibile… detto questo.

Venite in questa fantastica terra non come turisti ma come ospiti.