Ennesima email di Ryanair che propone tariffe e sconti stellari.
Cosa vuoi fare, non ci dai un occhio?
Studi il calendario, trovi un weekend senza impegni e identifichi la meta.

Varsavia a 30 Euro? Perché no!

Si parte il venerdì sera da Bergamo Orio al Serio e si vola a nord est.
Scese dall’aereo rimaniamo colpite dal freddo polare di un fine febbraio polacco, ben lontano dal nostro inverno italiano mai veramente iniziato.

Cerchiamo un taxi, arriviamo in centro città tramite un primo giro turistico tra vie e palazzi illuminati, ci fiondiamo nel nostro appartamento (ancora una volta Airbnb) e ci ricarichiamo per il giorno seguente.

Weekend super-lowcost a Varsavia

LEGGI: Come ottenere uno sconto per Booking.com

Varsavia: cosa fare e vedere in un weekend

Premessa: un weekend basta e avanza. Senza uscire dai confini cittadini, in un giorno e mezzo si riescono a visitare tutte le attrazioni elencate nelle guide turistiche permettendosi anche lunghe pause in cioccolaterie e ristoranti.

Stare Miasto: la città vecchia

Gironzolare nel quartiere antico della città significa camminare abbracciati da alti edifici colorati dal tipico stile nordico. Si incontrano in particolare due piazze degne di un passaggio: la più piccola, Rynek Sarego Miasta, con al centro la statua della Sirena, e la Piazza de Castello (sulla cui torre è possibile salire per godere di una bella vista sulla piazza).

Non mancano locali, ristoranti e bar dove assaggiare i piatti tipici polacchi (di cui parleremo più avanti).

Stare Miasto Varsavia

Parco Lazienki

Appassionati di musica classica, accorrete al parco Lazienki per omaggiare la grande statua di Chopin. L’ampio parco vi regalerà una pausa dal cemento cittadino e potrete vagare tra ricostruzioni di templi antichi e un teatro all’aperto. Vale la pena passare dal palazzo sull’isola (o Palazzo Lazienki) per scattare qualche bella foto.

Parco Lazienki

Palazzo della cultura e della scienza

L’imponente edificio in stile socialista (anche detto “Palazzo di Stalin”, costruito infatti per suo volere) vanta la fama di edificio più alto della Polonia e ospita musei, uffici, teatri. Noi abbiamo scelto di farci un salto per godere della vista sulla città dal 42esimo piano: da lì si ben comprende quanto Varsavia, pur vantando di un centro storico  limitato, sia in realtà una vasta metropoli.

Palazzo della cultura e della scienza

Mangiare e bere

Sicuramente partirete per Varsavia con un’alta aspettativa sulla vita low cost polacca, ma vi stupirete da quanto sia veramente low!

Ad esempio, un pranzo in una delle tante “mense” della città, il Bar Bambino, ci è costato l’equivalente di tre euro a testa. Da non perdere i pierogi, i ravioloni tipici polacchi, meglio fritti che al vapore.

Ottime le carni, dagli stinchi ai gulash. Provate una cena nella catena di ristoranti Zapiecek, troverete tutto ciò che ho elencato e anche di più ad ottimo prezzo e qualità. Provate anche le birre, quelle locali non sono affatto male!

Concedetevi una pausa nelle varie pasticcerie della città: i polacchi se ne intendono anche in fatto di cioccolato e dolcetti.

Giro in monopattino elettrico

Non è solo un consiglio, è un caldissimo invito a provare i fantastici monopattini elettrici sparsi per tutta la città!

Scaricate l’applicazione Lime e sbloccate quei meravigliosi mezzi a due ruote che renderanno indimenticabile la vostra visita alla città.

Noi abbiamo avuto la fortuna di girovagare avanti e indietro tra i ponti sulla Vistola accompagnate da un incredibile tramonto fucsia.

varsavia giro in monopattino elettrico

Abbiamo lasciato Varsavia con tanta voglia di tornare in Polonia. Chissà, Cracovia? Wroclaw? Teniamoci pronti per una nuova scorpacciata di pierogi!